Questo sito utilizza cookie di terze parti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso

Europa in Movimento

| Verso un'Europa federale e solidale

Superare la tempesta, per superare tutte le...

“Questa situazione eccezionale richiede una solidarietà e un sostegno eccezionali. Stiamo intervenendo rapidamente per attutire il colpo. La nostra priorità è garantire...

Read more

Salvare i cittadini europei per salvare l'Unione

Il Consiglio europeo del 26 marzo ha mostrato ancora una volta che le divisioni tra i governi europei mettono seriamente a rischio il futuro dell’Unione. Il comunicato finale afferma:...

Read more

Il coronavirus e la guerra degli Eurobond

28 Marzo, il presidente del Consiglio della Repubblica Italiana Giuseppe Conte dice che l’Unione Europea ha un appuntamento con la storia e la storia non aspetta. Si tratta di una frase che...

Read more

Eurobonds e nuove risorse per il bilancio...

La situazione creatasi con il Coronavirus richiede interventi eccezionali, che devono essere presi tempestivamente e seguendo un piano per superare l’emergenza sanitaria e rilanciare...

Read more

Torre di Babele, dipinto di Pieter Bruegel del 1563

COVID 19: il disordine europeo

Il “progetto Spinelli”, approvato dal Parlamento europeo nel 1984, aveva fatto propria l’idea di Willy Brandt di attribuire alla nuova Unione competenze e strumenti per realizzare...

Read more

Copertina de Gli Stati Uniti d’Europa spiegati a tutti. Guida per i perplessi di Michele Ballerin

Gli Stati Uniti d’Europa spiegati a tutti....

Estratto del libro Gli Stati Uniti d’Europa spiegati a tutti. Guida per i perplessi di Michele Ballerin, pubblicato nel 2019 per le edizioni Guida:...

Read more

Rule of law - Firma la petizione!

Read more

Partire, restare, tornare di Marina Lalovic....

Sul sito di Radio3 è disponibile un breve ma significativo racconto dei primi vent’anni che Marina Lalovic ha trascorso lontano dal suo paese di origine, la Serbia, un’intesa...

Read more

Infografica della Campagna di informazione sull'Europa

Brexit: una grande opportunità per il futuro...

Da ieri, dopo l’approvazione del Parlamento Europeo dell’accordo di recesso del Regno Unito dall'Unione europea, sembrano tutti tristi per la Brexit. Sono circolate su tutti canali...

Read more

Manifestazione del Forum sociale europeo

Europa, no tu no!

Il 15 gennaio il Parlamento, con il voto in seduta plenaria, ha confermato la scelta della Commissione di escludere dalla plenaria della Conferenza sul Futuro dell’Europa la società...

Read more

Banner Spegniamo la guerra, accendiamo la pace

Appello: Spegniamo la guerra, accendiamo la pace

Sabato 25 gennaio 2020 giornata di mobilitazione internazionale per la pace Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace! contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta per i propri...

Read more

Banner Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace!

25 gennaio 2020 - Giornata di mobilitazione per...

Sabato 25 gennaio 2020 | Giornata di mobilitazione internazionale per la pace ‘Spegniamo la guerra, accendiamo la Pace!’ Contro le guerre e le dittature a fianco dei popoli in lotta...

Read more

“Questa situazione eccezionale richiede una solidarietà e un sostegno eccezionali. Stiamo intervenendo rapidamente per attutire il colpo. La nostra priorità è garantire che i sistemi sanitari europei dispongano di tutte le risorse di cui hanno bisogno, in termini sia di materiali che di denaro; che le imprese colpite abbiano liquidità sufficiente a restare a galla; e che i posti di lavoro e il reddito dei dipendenti e dei lavoratori autonomi siano tutelati. Stiamo usando tutta la flessibilità delle norme di bilancio dell’Ue per sostenere i governi nazionali ad agire con decisione per fronteggiare l’impatto socioeconomico della crisi.”

Sono le parole usate nell’intervento pubblicato domenica scorsa sul Sole 24 Ore dal vicepresidente della Commissione europea Vladis Dombrovskis che ha fatto un primo bilancio delle misure intraprese dall'Unione europea sul tema emergenza Covid-19.

“Complessivamente, i finanziamenti a livello Ue raggiungono i 93 miliardi di euro e stiamo lavorando per aumentarli ulteriormente.” Questa è la prospettiva essenzialmente della Commissione, ma, come ormai abbiamo capito, è anche l'azione di quegli organismi (come la Bce) che godono di una certa autonomia e capacità di movimento decisionale che va oltre i condizionamenti intergovernativi tipici del Consiglio e del Consiglio europeo. L'Unione europea sta sviluppando - sia chiaro - politiche che superano anche tutte le altre priorità in agenda e che sarebbero state di competenza esclusiva, per dedicarsi ad attività di sostegno e assistenza in materie in cui gli Stati nazionali hanno voluto che avesse solo un ruolo secondario (articoli 4 e 6 del trattato FUE).

Il Consiglio europeo del 26 marzo ha mostrato ancora una volta che le divisioni tra i governi europei mettono seriamente a rischio il futuro dell’Unione. Il comunicato finale afferma: “We fully acknowledge the gravity of the socio-economic consequences of the Covid-19 crisis and will do everything necessary to meet this challenge in a spirit of solidarity”. È vero il contrario.. Le tensioni tra le due Europe, del Sud e del Nord, stanno causando una rinnovata ondata di nazionalismo.
I cittadini europei chiedono aiuti. Li stanno ricevendo in parte dai loro governi, ma si attendono anche risposte concrete dall’Unione.

Secondo Germania e Olanda, la creazione di Eurobonds significherebbe accettare una “Transfer Union” che non è prevista dal Trattato di Lisbona. È un'affermazione che non ha alcun fondamento. Basta ricordare che l'art. 3 del Trattato afferma che l’Unione: “shall promote economic, social and territorial cohesion, and solidarity among Member States”. La Tranfer Union tanto temuta esiste già: il fondo regionale europeo, ad esempio, redistribuisce risorse dalle regioni più ricche alle più povere, grazie al bilancio europeo. Lo stesso processo avviene dentro la Repubblica federale di Germania con il meccanismo del Finanzausgleich. E simili meccanismi esistono in altri paesi come Spagna e Italia. Se si esamina il problema solo sotto il profilo tecnico, esistono le soluzioni per eliminare un possibile moral hazard e impedire che alcune regioni, o stati, pretendano un trasferimento eccessivo. Procedure simili a quelle adottate dalla Germania, ad esempio, possono essere adottate anche per l'Unione europea.

28 Marzo, il presidente del Consiglio della Repubblica Italiana Giuseppe Conte dice che l’Unione Europea ha un appuntamento con la storia e la storia non aspetta. Si tratta di una frase che appare piena di retorica ma che fotografa bene il momento. Noi europei rischiamo di giocarci per molti decenni gli attuali livelli di benessere. Deve far riflettere che negli scorsi giorni l’ex presidente della Banca Centrale Europea Mario Draghi ha scritto sul Financial Times che servirà un massiccio intervento degli Stati che si tradurrà in una crescita dei debiti pubblici dei paesi europei, l’alternativa sarebbe infatti di gran lunga peggiore, poiché con grande probabilità molti paesi europei si troverebbero a perdere gran parte della loro capacità produttiva1.

Ma cerchiamo di ripercorrere tutti i passaggi del dibattito economico particolarmente acceso nelle recenti settimane. Erano i primi di marzo e l’epistemologo ed ex trader Nassim Taleb, famoso per la teoria del cigno nero, garantiva che il coronavirus non era un evento potenzialmente devastante per l’economia come una grande crisi. Taleb invitava l’Italia a prendere misure restrittive che sarebbero pesate sul PIL dell’anno in corso, ma debellata la pandemia l’economia sarebbe ripartita velocemente2. In quei giorni, aldilà delle posizioni di Taleb, era ricorrente la previsione che l’economia potesse avere un andamento a V, ovvero che ad un crollo anche notevole potesse seguire una rapida ripresa.

La situazione creatasi con il Coronavirus richiede interventi eccezionali, che devono essere presi tempestivamente e seguendo un piano per superare l’emergenza sanitaria e rilanciare l’economia

1°) il finanziamento della spesa sanitaria straordinaria è assicurato dagli interventi della BCE che ha deciso di acquistare titoli per ulteriori 750 miliardi, assicurando liquidità al mercato, riducendo i tassi di interesse e frenando così la crescita dello spread. Le risorse create dalla BCE devono anche assicurare la sostenibilità sociale nel dopo-Coronavirus

Torre di Babele, dipinto di Pieter Bruegel del 1563

Il “progetto Spinelli”, approvato dal Parlamento europeo nel 1984, aveva fatto propria l’idea di Willy Brandt di attribuire alla nuova Unione competenze e strumenti per realizzare una politica della società (Gesellschaft politik) che, partendo dalla politica sociale, consentisse alla dimensione europea di garantire alle cittadine e ai cittadini beni pubblici che non potevano essere garantiti dagli Stati nazionali secondo una visione dinamica del principio di sussidiarietà.

Per il “progetto Spinelli”, le competenze europee nella politica della società dovevano essere concorrenti – e non condivise – rispetto a quelle degli Stati nazionali ispirandosi alla costituzione federale tedesca dove l’azione degli Stati federati è possibile solo laddove e fino a quando non è intervenuto il livello federale.

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing-list per ricevere gli ultimi articoli direttamente nella tua mail!

Eventi

MobilitAzioni

  

 

europea - parlano i fatti 

fermiamolafebbredelpianeta

 

unpa campaign

 

neawdealbee

 

 

Europa in onda

Europa in onda