Questo sito utilizza cookie di terze parti. Se decidi di continuare la navigazione consideriamo che accetti il loro uso

Europa in Movimento

| Verso un'Europa federale e solidale

Infografica su Katharina Schulze

Il vento cambia in Baviera, in Belgio e nel Lussemburgo ma il vento non soffia nella direzione che avrebbero voluto Salvini e Di Maio. In un voto nazionale (Lussemburgo), regionale (Baviera) e locale (Belgio) il maggiore aumento in voti e seggi spetta ai Verdi che hanno fatto campagna per un’Europa più unita, più democratica, più accogliente e più solidale. In Lussemburgo si conferma il governo uscente formato da Socialisti, Verdi e Liberali che aveva mandato all’opposizione il partito di Jean Claude Juncker sospettato di connivenza fiscale con le multinazionali. In Belgio l’estrema destra arretra e prevalgono in Vallonia governi locali con Socialisti e Verdi segnando una battuta di arresto per il governo del liberale Michel criticato per la sua arrendevolezza nei confronti del partito nazionalista fiammingo. In Baviera la destra dell’AFD, inutilmente corteggiata in Italia da Lega e 5 Stelle, entra nel Landtag ma deve accontentarsi di un modesto quarto posto relegata all’opposizione così come era avvenuto per l’estrema destra svedese. Escono sconfitti dalle urne i partiti alleati a livello federale nella Grande Coalizione ma anche qui i Verdi raddoppiano voti e seggi.

È un segnale importante di un’Unione che potrebbe cambiare rotta nelle elezioni europee del maggio 2019 non virando nella direzione di sovranisti uniti solo per disintegrarla ma prendendo il largo per una comunità più forte della somma degli Stati nazionali. Ciò sarà possibile se gli innovatori saranno alleati in una coalizione per sconfiggere nello stesso tempo i partiti che vogliono conservare l’Unione così come essa è oggi e i movimenti che vogliono demolirla per tornare alla vecchia Europa di apparenti sovranità nazionali.

Autore
Pier-Virgilio Dastoli
Author: Pier-Virgilio Dastoli
Bio
Pier Virgilio Dastoli, già assistente di Altiero Spinelli, ha ricoperto vari ruoli sia nelle istituzioni europee, tra cui quello di Direttore della Rappresentanza in Italia della Commissione europea, sia nelle organizzazioni europeiste e federaliste dove è stato anche Segretario generale del Movimento Europeo Internazionale. Attualmente è presidente del Consiglio Italiano del Movimento Europeo, Inoltre è membro del Comitato Centrale del Movimento Federalista Europeo, del Comitato federale dell'UEF e del Direttivo Internazionale del CIFE. E’ senior fellow della scuola di politica economica della LUISS Guido Carli, svolge attività di docenza nei corsi organizzati dalla Società Italiana per l'Organizzazione Internazionale, coordina un master presso l'Università Telematica Internazionale Uninettuno. È membro dell'associazione Mulino e dell'Istituto Affari Internazionali. E’ autore di numerosi saggi e articoli sull'Europa, coautore di numerosi volumi su tematiche europee in italiano, francese e inglese ed ha collaborato con l’Enciclopedia Treccani e l’Enciclopedia UTET. È stato nominato Commendatore al Merito della Repubblica dal Presidente Napolitano.
Altri articoli dello stesso autore:

Iscriviti alla Newsletter

Iscriviti alla nostra mailing-list per ricevere gli ultimi articoli direttamente nella tua mail!

Eventi

MobilitAzioni

 
banner campagna

fermiamolafebbredelpianeta

 

unpa campaign

neawdealbee

banner appello per un'Europa federale

 

Europa in onda

Europa in onda